Corretta manutenzione dei capi - Camici e Divise Professionali da lavoro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Corretta manutenzione dei capi

CATALOGO > Abbigliamento Sanitario di firma Pastelli
Corretta manutenzione
Mantenere i nostri camici belli a lungo è semplice. Basta seguire le semplici regole di manutenzione che Vi suggeriamo, ed evitare trattamenti e prodotti non testati.

Articoli in puro cotone e lino:
  • Immergere il capo esclusivamente in acqua fredda e lasciarlo in ammollo per almeno 4 ore.
  • Lavare in lavatrice i capi bianchi utilizzando un detersivo classico, ed  i capi colorati esclusivamente con detersivi specifici per capi colorati. Verificando sempre sull’etichetta del detersivo che lo stesso non contenga sbiancanti ottici. Non utilizzare alcun additivo.
  • Lavare a 40°C/104°F o se il tessuto lo consente e si desidera una disinfezione a 60°C/140°F per 30 minuti.
  • Se si necessita sterilizzare il camice a 140°C/284°F considerare che il tessuto si restringerà approssimativamente del 2-4% corrispondente ad una taglia. Non tutti i nostri modelli possono essere sottoposti a questo processo poichè alcuni accessori non resistono a temperature superiori a 90°C/194°F.
  • Stirare iI capo leggermente umido con ferro a vapore.
  • Non si garantiscono capi sottoposti a manutenzione diversa da quanto suggerito
FAQ TECNICHE:

“Come si lavano i Vostri camici?”
Controllate attentamente l'etichetta all'interno del camice e leggete la manutenzione suggerita all'interno dei nostri cataloghi, dove troverete evidenziata la temperatura di lavaggio suggerita. Troverete anche il simbolo che significa non asciugare in lavatrice. E' ovviamente possibile utilizzare il tumble purché a basse temperature, pena il restringimento del cotone.

“Il camice bianco è diventato giallo o grigio dopo il lavaggio”.
E' sufficiente rilavare il camice con un detersivo specifico per cotone bianco e del bicarbonato. L'ingiallimento è generalmente dovuto ad un eccessivo utilizzo di prodotti candeggianti, ed il grigiore all'uso di detersivi poco adatti o al lavaggio congiunto di capi bianchi e colorati.

“Il tessuto presenta estese macchie giallastre”.
Un eccessivo candeggio e soprattutto l'abitudine di versare la candeggina light direttamente sul capo da lavare provoca questo inconveniente.
Si consiglia di lavare nuovamente il capo con pura acqua a 40° e successivamente, anche senza asciugatura, provvedere ad un lavaggio veloce a 30° con bicarbonato.

“Il tessuto presenta delle striature blu”.
Le striature sono da ricondursi semplicemente ad una permanenza dell'ammorbidente o dei detersivi utilizzati sul tessuto. E' sufficiente risciacquare accuratamente con pura acqua il camice sino alla scomparsa del prodotto in eccesso.

“Il tessuto è difficile sa stirare”.
E' da considerarsi un pregio e non un difetto. Per ammorbidire il tessuto e renderlo facile da stirare fin da nuovo si procede ad immergerlo in soda caustica. Questo lo rende morbidissimo, ma anche molto meno resistente. I nostri tessuti sono inizialmente più difficili da stirare, ma essendo destinati a garantire una lunga durata, nel tempo, lavaggio dopo lavaggio acquisteranno una maggiore morbidezza.

“Il tessuto del camice nuovo non è morbido come quello del camice vecchio”.
E' assolutamente normale. Si consiglia di leggere quanto esposto al punto precedente "il tessuto è difficile da stirare".

“Il camice si è ristretto o accorciato”.
I nostri tessuti sono garantiti sanfor +/-2% . Questo significa che progressivamente nel tempo il pantalone ed il camice si accorceranno di 2 centimetri e le casacche di 1 cm. Se il tessuto viene lavato a temperature superiori a quanto indicato in etichetta, o asciugato in lavatrice ad una temperatura superiore alla temperatura consigliata per il lavaggio, il camice si accorcerà o restringerà ulteriormente. In questo caso la percentuale di ritiro è quantificabile esclusivamente conoscendo a priori le temperature a cui si sottoporrà il tessuto.

“Il colore è opaco dopo il lavaggio”.
E' sufficiente risciacquare ulteriormente il camice. Abitualmente questa problematica è dovuta ad una permanenza dei prodotti utilizzati per illavaggio all'interno delle fibre.

“Il colore si è degradato”.
Le nostre ricette colore sono particolarmente resistenti proprio perché pensate ad un utilizzo sanitario, ciononostante se non vengono utilizzati detersivi specifici per i capi colorati il colore può cambiare di tonalità .
Tutti i prodotti lavanti cosiddetti universali contengono degli agenti candeggianti o coloranti che intaccano la brillantezza del colore.

“Il tessuto presenta dei forellini”.
Se il cotone o un'altra fibra naturale viene a contatto con dei prodotti acidi si verifica un progressivo indebolimento della fibra fino ad innescarne la rottura. Si consiglia inoltre di evitare l'utilizzo di smacchiatori e di provvedere alla rimozione delle macchie come consigliato nel nostro sito ed all'interno dei nostri cataloghi.
 
Le informazioni riportate su questo sito possono essere soggette a modifiche senza preavviso. E vietata la riproduzione totale o parziale.
P.IVA: 01437470287
Torna ai contenuti | Torna al menu